Re_Acto Fest

1965629_10204626718738485_1675435672401098876_o

The next Saturday, September 13 in L’Aquila will start RE_ACTO Fest: a month-long event in which will alternate some of the most important street artist of the Roman and national scene. An event that aims to give something back to a city and a society torn apart by 2009’s earthquake and which deserves much more than what has been done in recent years. A way to react, as already declared in the name, to the state of abandonment in which it has been left an entire community. For this reason, for the attempt to put back art at the center through its social and civic values, Street Art Roma has decided to actively support the project. Starting with this post and in the next weeks we’ll tell you the protagonists of RE_ACTO Fest and the realization of the walls. And we hope that you will want to make this trip in art and in the streets along with us!

Don’t miss the Opening Party at CaseMatte, this Saturday, with Painting Jam open to everyone and lots of music. For the details, check the facebook event: https://www.facebook.com/events/699993116754017/

But now, not to bore you, I leave you with the words of the curator of RE_ACTO Fest, Luca Ximenes, which some of you surely know under the pseudonym of DesX.

An event that will bring Street Art at L’Aquila. This will be the RE_ACTO Fest which will take place between September 13 and October 12 and will be attended by internationally renowned artists who will offer a varied panorama of the different styles and practices that make up this particular artistic movement, which has been only very recently recognized as such.

The selected artists will bring in L’Aquila their personal interpretations of an art that is characterized mainly by the support it uses. The use of the wall, either public or private, represents the real conceptual revolution in street art. In fact, this has allowed art to escape from the indoors and privileged spaces where it was holed up and reverse the relationship between artist and spectator (where it is no longer the spectator that is activated to enjoy it, but the artist who, working for the street, “impose” his art and turns the simple pass-through into a user). And it’s always the wall-support that permeates this form of art with disruptive social value.

The refunctionalization – even more than the redevelopment – transforms public space (dormitory quarters, service infrastructure such as motorway pylons, abandoned and dilapidated buildings) into places of social interaction, vehicles of culture and artistic sensibility, returning them to the community. This is the philosophy behind the event, a philosophy that in our area, subdued by the earthquake and now five years after the event, disintegrated in its social and territorial composition, disoriented in an attempt to rebuild its own identity, takes on a particularly significant value.

The name RE_ACTO comes a bit from here, as a “street” distortion of REACT, this exhibition aims, ambitiously, to be a way to submerge L’Aquila with creativity, rethinking the “public space” to set the focus of the post-seismic processing on sociality and the possibility of expression. The event will also feature events such as themed conferences, a group show, live painting events open to the community, dj-sets and a selection of live music with the best representatives of the Italian indie scene.

RE_ACTO Fest is patronized by Comune dell’Aquila and Ordine degli Architetti de L’Aquila, and is supported by Quotidiano NewsTown, a.DNA project, Abruzzo HH Festival, Zulu Fashion and Street Art Roma

Texts by Tomas Mancin and Luca Ximenes. Images by Luca Ximenes.

—–

Il prossimo sabato 13 Settembre a L’Aquila partirà RE_ACTO Fest: un evento lungo un mese in cui si alterneranno alcuni tra i più importanti street artist della scena romana e nazionale. Un evento che si propone di restituire qualcosa a una città e a una società lacerate dal terremoto del 2009 e che merita molto più di quanto è stato fatto in questi anni. Un modo per reagire, come dichiarato già nel nome, allo stato di abbandono in cui è stata lasciata un’intera comunità. Ed è per questo, per il tentativo di rimettere l’arte al centro mediante la sua valenza sociale e civica, che Street Art Roma ha deciso di sostenere attivamente il progetto. A partire da questo post e nelle prossime settimane vi racconteremo i protagonisti di RE_ACTO Fest e la realizzazione dei muri. E speriamo che vorrete fare questo viaggio nell’arte e nelle strade insieme a noi!

Non perdete l’Opening Party presso CaseMatte, questo sabato, con una Painting Jam aperta a tutti e tanta musica. Per maggiori dettagli potete vedere l’evento facebook: https://www.facebook.com/events/699993116754017/

Ma ora, per non annoiarvi, vi lascio alle parole del curatore di RE_ACTO Fest, Luca Ximenes, che alcuni di voi sicuramente conosceranno con lo pseudonimo di DesX.

Una rassegna che porterà la Street Art a L’Aquila. Questo sarà il RE_ACTO Fest che si terrà tra il 13 Settembre e il 12 Ottobre e vedrà la presenza di artisti di fama internazionale che offriranno un panorama variegato dei diversi stili e pratiche che compongono questo particolare movimento artistico, che solo da pochissimo viene riconosciuto come tale.

Gli artisti selezionati porteranno a L’Aquila le loro personali interpretazioni di un’arte che si caratterizza prevalentemente per il supporto che utilizza. L’utilizzo del muro, pubblico o privato che sia, rappresenta la vera rivoluzione concettuale della street art. É questo, infatti, che ha permesso all’arte di uscire dai luoghi chiusi e privilegiati in cui era asserragliata e di invertire il rapporto tra artista e fruitore dell’opera (laddove non è più il fruitore dell’opera che si attiva per goderne, ma l’artista che lavorando per la strada “impone” la sua arte e rende fruitore il semplice passante). Ed è sempre il supporto-muro che permea questa forma d’arte di un valore sociale dirompente.

La rifunzionalizzazione – ancor più che la riqualificazione – trasforma il luogo pubblico (quartieri dormitorio, infrastrutture di servizio come i piloni dell’autostrada, edifici abbandonati e fatiscenti) in luoghi di socialità, veicoli di cultura e sensibilità artistica, restituendoli alla collettività. Questa è la filosofia ispiratrice della rassegna, una filosofia che nel nostro territorio, piegato dal terremoto e a cinque anni ormai dall’evento, disgregato nella sua composizione sociale e territoriale, disorientato nel tentativo di ricostruirsi un’identità, acquista un valore particolarmente significativo.

Il nome RE_ACTO viene un po’ anche da qui, distorsione “street” di REAGIRE questa rassegna vuole, ambiziosamente, essere un modo per sommergere L’Aquila di creatività, ripensare il “luogo pubblico” rimettere al centro dell’elaborazione post sisma la socialità e la possibilità di espressione. La rassegna proporrà inoltre eventi collaterali quali conferenze a tema, una mostra collettiva, eventi di live-painting aperti alla comunità, dj-sets ed una selezione di musica live con i migliori rappresentanti della scena indipendente italiana.

RE_ACTO Fest è patrocinato da Comune dell’Aquila e Ordine degli Architetti de L’Aquila, ed è supportato da Quotidiano NewsTown, a.DNA project, Abruzzo HH Festival, Zulu Fashion e Street Art Roma.

Testi by Tomas Mancin e Luca Ximenes. Immagini by Luca Ximenes.

10478928_10203847705906455_4846201958468104874_n

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *